Fare il collaudatore quando i limiti erano solo suggerimenti

Pierluigi Mori ci racconta dei tempi in cui fare il collaudatore in Lamborghini era davvero un mestiere divertente; istruito da Bob Wallace, assunto insieme a Valentino Balboni e poi affiancato dal grande Stanislao Sterzel. Dalla Jarama, alla Espada, a tutte le Urraco, Miura SVJ, Countach, fino addirittura alle BMW M1 destinate alla serie PROCAR.

Un epoca in cui i limiti di velocità erano stati da poco introdotti e chi lavorava con i motori si guardava bene dal rispettarli. Mori è un silenzioso, un uomo che non ha mai cercato i riflettori pur svolgendo il suo lavoro con amore e dedizione per molti anni. Quasi timido davanti la telecamera all’inizio sembra non aver mai avuto a che fare con un’intervista, forse è così, forse no, ma l’importante è tirargli fuori più ricordi possibile.

Fare il collaudatore quando i limiti erano solo suggerimenti – Davide Cironi Drive (SUBS)

Un’intervista inusuale anche per me, con una persona che mi è capitata in officina per caso, mentre lavoravamo alla documentazione di un restauro completo V12 Miura. Stavamo girando le scene di “Come funziona il carburatore” con Giancarlo Barbieri, quando questo signore si è avvicinato timidamente nell’angolo motori del Lamborghini Service Crevalcore. Il titolare, Breveglieri, mi ha detto subito: “Lui, lui lo dovresti far parlare che te ne dice di tutti i colori. Fagli un’intervista dopo” e agli ordini, fatta.

Sapevo dei prototipi BMW M1 in Lamborghini, me ne aveva parlato il grande Paolo Stanzani, nella nostra lunga serie di chiacchierate di due anni fa. Ma non credevo che i collaudi fossero stati così approfonditi da parte dei dipendenti Bolognesi. Mori ci racconta anche questo, con intatto entusiasmo, mimando il volante e i movimenti della macchina come l’avesse guidata ieri. Ora sono curiosissimo di guidarne una.

E dei pantaloni sporcati in Countach a 270 km/h quando aveva ancora le ruote strette?

Dei test in pista con la Urraco da corsa che aveva preparato Bob Wallace?

Dei motori BMW Procar da 9.000 giri e 300 all’ora?

Ascoltiamo.

Davide Cironi